giovedì 10 dicembre 2020

LE RECENSIONI DELL'ANDRE: Il confine dell'amore, di Carmen Weiz

 Cari lettori, ecco la lettura che vorremmo presentarvi oggi.


Scheda:

Autore: Carmen Weiz

Titolo: Il confine dell'amore

Genere: young adult

Pagine: 369

Prezzo: 1.39€ ebook, 9,90€ cartaceo - disponibile in formato Kindle Unlimited


Quarta:

Vi conoscete fin da piccole, siete cresciute insieme, diventando inseparabili.

Hai donato a lei un pezzetto del tuo cuore, pensavi di conoscerla, di conoscere tutto su di lei, come lei sicuramente conosceva tutto di te.

La tua migliore amica...

Quanto potresti esserti sbagliata?

Quando tutti i segreti verranno a galla, mostrando di chi ti sei fidata, ti accorgerai di quanto le hai creduto rendendoti completamente indifesa.

Come in un caleidoscopio di vita, Carmen Weiz ci racconta una storia sul potere dell’amicizia, del primo amore e su coloro che il destino ha scelto per essere i custodi dei nostri primi segreti.

Racconta di come il nostro cuore possa vagare per strade misteriose e che a volte, le cose migliori accadono proprio quando pensiamo che tutto sia stato perduto…

E sulle conseguenze che dobbiamo affrontare da adulti quando scopriamo di esserci fidati della persona sbagliata.

“Il karma disse: ti innamorerai di qualcuno che non ti amerà, per non aver amato qualcuno che ti amava.”

Questo libro può essere letto separatamente dal restante della serie Swiss Stories.


Recensione:

Questo libro parla dei tormenti dell'amore adolescenziale. Un tipo di amore sempre intenso, profondo e in qualche modo totalizzante, solitamente 'non mediato' da alcuna considerazione logica, razionale o utilitaristica. Da ragazzi, ci si innamora e basta, e possibilmente della persona più sbagliata possibile. Questo è quanto succede a Mia, folgorata dal giovane campione di hockey dal passato turbolento e dal sorriso strafottente che – miracolosamente, trattandosi di ragazzini – la ricambia. Ma non sempre riusciamo a capire, da giovani, che l'amore è l'unica cosa che conti davvero nella vita, e perciò questa storia non funziona: un po' d'arroganza di troppo, un padre dal mestiere scomodo, dei progetti da non mandare all'aria, un migliore amico onnipresente, un'amica un pelino esuberante, ed ecco che la peggiore idea di sempre prende forma nella mente del protagonista, che manda tutto rovinosamente a gambe per aria, proprio come fa coi suoi avversari sul ghiaccio.

Cosa succede se il cuore ti si spezza, e il tempo passa ma non guarisce? 

Cosa succede se un amore adolescenziale finisce per plasmare tutta la tua vita, anche a distanza di anni?

E cosa succede se quell'amore diventa adulto?


Il libro è raccontato col sistema del flashback: attraverso i ricordi di Mia veniamo a conoscenza della strada percorsa dai due protagonisti fino al presente narrativo quando, nonostante abbiano da anni preso strade diverse, i due si ritrovano in drammatiche circostanze. I flashback sono sempre molto difficili da gestire, complessi perché è necessario che siano veramente ben strutturati per risultare interessanti al lettore che in pratica sa già cosa è successo (anche se non sa come). Devo ammettere che un uso massiccio di questo stratagemma non è tra i miei stili narrativi preferiti, perché rischia di rallentare la lettura e farle perdere mordente, ma questa è soltanto una mia opinione del tutto personale. Lo stile è abbastanza scorrevole e pulito, si lascia leggere velocemente e senza intoppi.


I protagonisti attraversano diverse fasi di crescita durante la narrazione, che faranno loro abbandonare gli atteggiamenti fanciulleschi che hanno caratterizzato il loro primo incontro (ribellione per lui, ossessione per lei) per portarli verso una consapevolezza maggiore, verso una relazione che può riprendere con connotazioni mature e le carte in regola per essere duratura.


Recensione in pillole:

Consigliato a chi: si è innamorato da giovane e non l'ha mai dimenticato

I temi trattati: l'abbandono, la ribellione, la tenacia.

Il messaggio nascosto: quando lasci andare, le cose tornano da te.


Valutazione finale: ⭐⭐⭐




Nessun commento:

Posta un commento