giovedì 9 luglio 2020

LE RECENSIONI DELL'ANDRE: Ti perdo nel buio, di Alissa Hope

Cari lettori, oggi parliamo di una storia di tormento e di riscatto.



Titolo: Ti perdo nel buio
Autrice: Alissa Hope
Genere: Romance

Sinossi

Kimberly è una giovane ragazza con una storia familiare alle spalle molto tormentata. Brian non ha mai amato nella sua vita e non ha mai ricevuto amore. I due si incontrano casualmente e subito provano attrazione l’uno per l’altra. A cosa li porterà?

Recensione

A volte il destino mette insieme le più improbabili delle persone, soltanto per dimostrare che si incastrano con una perfezione che sconvolge l'anima e il cuore.
Questo potrebbe essere lo slogan della trama di cui parliamo oggi, in cui oltre a una buona dose di romance e passione, troviamo anche una lunga e travagliata storia di riscatto.

La protagonista non è ancora maggiorenne quando si trova a dover scappare una volta per tutte da una famiglia abusante. Per una serie di ragioni che certamente non spoilero :-) si trova a rifugiarsi a casa di un uomo con dieci anni più di lei, un 'trombatore seriale' coi suoi problemi familiari alle spalle anche lui, che la ospita per pura bontà del suo cuore (!) Tra i due ovviamente scatta una certa scintilla, ma Brian resiste alla tentazione perché si rende conto che Kimberly, la 'ragazzina' non è come tutte le altre. Cedere significherebbe coinvolgersi sentimentalmente e questo va contro tutto ciò che gli è stato insegnato.
Poco a poco i due si scoprono, facendo come i gamberi, un passo avanti e due indietro, fino a quando non saranno pronti, entrambi, a lasciare il dolore e l'odio alle spalle per guardare avanti insieme.

Se dobbiamo trovare un difetto (e sapete che dobbiamo!) ammetterò che all'inizio sono stata spiazzata dall' età della protagonista, che ritenevo troppo giovane per vivere e frequentare ambienti come quelli descritti. La storia avrebbe funzionagto anche se Kimberly avesse avuto 25 anni, pensavo, perché dopotutto da una famiglia abusante puoi allontanarti a qualsiasi età. Mi sembrava inverosimile che una diciassettenne potesse scappare di casa e andare a vivere ospite di un uomo di dubbia fama conosciuto per caso in una discoteca, senza che questo aprisse qualche scenario da assistenza sociale. Tuttavia forse in questo caso il difetto è negli occhi di chi guarda, perché la protagonista è più giovane di mio figlio e in tutta onestà come madre mi sono trovata a pensare che non avrei mai accettato che una figlia minorenne vivesse quel tipo di vita. Ma Kimberly non è mia figlia, no? Ho avuto un confronto con l'autrice sull'argomento, e ho capito le sue motivaizioni, che implicano una sorta di comportamento maggiormente istintivo e 'scapestrato' da parte di una giovanissima, che riflette meno di quanto potrebbe fare una venticinquenne e si butta, succeda quel che succeda.

Stile lineare, pulito e corretto, di facile lettura.

Recensione in pillole

Consigliato a chi: scappa.
I temi trattati: la famiglia disfunzionale, la voglia di riscatto, la mancanza d'amore.
Il messaggio nascosto nella trama: non si può vivere per sempre senza amore

Valutaizone finale: ⭐⭐⭐













2 commenti:

  1. Grazieeeee Andretta per questa splendida recensione 😘😘😘😘😘😘

    RispondiElimina