mercoledì 8 luglio 2020

LE RECENSIONI DELL' ANDRE: Un Romeo in blue jeans, di Martina G. Dasy



Scheda

Titolo: Un Romeo in blue jeans
Autore: Martina G. Dasy
Genere: Romance, commedia romantica
Pagine: 179
C.E. self
Prezzo: 2,99€ ebook, 13€ cartaceo, disponibile per KU

Sinossi

Non c'è niente che non vada nella vita di Margherita Contini: un lavoro come maestra, una famiglia adorabile, un fidanzato apparentemente perfetto. È proprio quando Roberto, l'uomo che tutte le donne sognano, deve trasferirsi a Milano e la porta con sé che cominciano i guai. Grossi guai. 
Una nuova scuola, una nuova città e una classe di bambini dispettosi che adorano fare domande scomode. E non è finita! 
Il guaio più grande ha un nome, un nome bizzarro. Leone, psicologo scontroso, malizioso e tremendamente sexy che affianca la giovane maestra in cattedra. Margherita vorrebbe e dovrebbe stargli alla larga. Dovrebbe… perché da quel qualcosa di proibito e nascosto non riesce proprio a prendere le distanze. 
Tra figuracce, cadute di stile e di fondoschiena, battute al vetriolo e situazioni ambigue e peccaminose, riuscirà Margherita a scoprire cosa nasconde lo psicologo dagli occhi blu?

Recensione

Questo è decisamente un libro di formazione camuffato da romance :-)
Perché a prima vista sembra la storia d'amore tra Margherita e Leone, ma in realtà non è solo questo. 
Sì, Marghe è fidanzata, sì, conosce un altro uomo, sì, se ne innamora, sì, ci sarà un grosso ostacolo da superare, come nella migliore tradizione delle commedie romantiche, ma a ben vedere... 
Quando la trama inizia, Margherita è innamorata del suo fidanzato. 
Davvero?
L'immagine che mi viene in mente è che Margherita sia in gabbia. Una gabbia che si è costruita da sola, per di più, perché a ben vedere non ci sono cattivi, in questa storia. Va bene, Roberto è un po' stronzo, ma non è cattivo: è solo che Margherita non è la donna per lui. Questo è chiaro a tutti fin da pagina 2, anche e soprattutto alla miglior amica di Margherita. L'unica che non l'ha capito è lei. Ma io non sono nemmeno tanto sicura che non lo abbia capito: semplicemente Marghe è seduta sulla sua vita a mo' di ciliegina e la sta guardando scorrere come pensa che tutti immaginino debba scorrere. 
Quanti di noi hanno sperimentato questa situazione? Sì, non proprio perfetta per noi ma dopotutto di che ci lamentiamo? Ormai siamo in ballo, tocca ballare.
Ecco, Margherita è una che balla, ma un po' controvoglia. 
E quando trova uno che la fa ballare ridendo, ne rimane un po' sconvolta, considerandolo sbagliato. Una deviazione dalla sua vita perfetta e già stabilita.
Comincia così non solo la storia romantica, ma anche la crescita della nostra Marghe, che grazie a un uomo spontaneo e disponibile comincia a capire in che guaio si trovi e ad aprire, timidamente e un pezzettino per volta, la porticina della gabbia e mettere il naso fuori.
Se dobbiamo trovare un difetto (e sapete che dobbiamo!) c'è un piccolo cliché nella trama, ossia il fatto che quando scopre 'gli scheletri' nell'armadio di Leone, Margherita semplicemente si arrabbia e se ne va, senza parlargli e senza dargli modo di spiegare. Ecco, questa modalità è presente in quasi tutti i romance che io abbia letto e devo dirlo: non mi piace. E' vero che se i due si spiegassero il libro avrebbe cinquanta pagine meno, ma è una situazione che non regge secondo me, perché quando ci viene raccontato qualcosa di grave su qualcuno, la prima reazione normalmente non è di fuggire, ma di andar lì e spaccargli la faccia! Come minimo. 
Stile frizzante e pressochè impeccabile, scene divertenti quasi da chick lit (Margherita è lievemente maldestra) e un'ottima scelta dei tempi narrativi fanno di questa commedia una lettura davvero piacevole, che mi sento di consigliare a tutti gli amanti del genere

Recensione in pillole

Consigliato a chi: si sente in trappola.
I temi trattati: la lealtà, la fedeltà, la spontaneità, il superamento dei limiti personali
Il messaggio nascosto nella trama: è quando tutto sembra perfetto che bisogna farsi una domandina o due!
Valutazione finale: ⭐⭐⭐














Nessun commento:

Posta un commento