domenica 14 giugno 2020

LE SEGNALAZIONI DELL'ANDRE: La distanza più breve, di Vincenzo Maimone per Fratelli Frilli Editori

Cari lettori, eccoci con altre segnalazioni della domenica!


Sinossi

Nuove nubi offuscano il cielo sopra le vite sospese di Tancredi Serravalle e del commissario Giacomo Costante. Sulla loro amicizia aleggia l’ombra dei sensi di colpa, delle recriminazioni e di troppi silenzi. La violenza di ricordi passati e di una vendetta non ancora consumata torna a riecheggiare nella mente del professore e rischia di trascinarlo in un gorgo senza vie di fuga. È un finale di partita che non ammette incertezze.




Due parole sull'autore

Vincenzo Maimone (Messina, 1970) si è laureato in Filosofia presso
l’Università degli Studi di Messina. È Professore Associato in Filosofia politica presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Catania. È autore di vari saggi e articoli su riviste scientifiche e della monografia La società
incerta. Liberalismo, individui, istituzioni nell’era del pluralismo (Rubbettino, Soveria Mannelli 2002). Ha pubblicato tre romanzi, Un nuovo Inizio (Sampognaro e Pupi, 2009) selezionato come semifinalista al Premio Scerbanenco; L’ombra di Jago (Sampognaro e Pupi, 2011); La variabile Costante (Fratelli Frilli Editori, 2014), romanzo finalista al “Tolfa Gialli & Noir 2015” e vincitore del “Premio Romiti 2015 – Sezione Scrittori Emergenti”; Sicilia terra bruciata (Fratelli Frilli Editori 2016); La trappola dell’irrazionalità. Potere, morale e conformismo (AlboVersorio Editore 2019). È appassionato di cucina e ama andare in giro in sella alla sua Harley Davidson.

Nessun commento:

Posta un commento