lunedì 15 giugno 2020

LA VITA DELL'ANDRE: Lettera aperta a scrittrici e blogger.

Cari lettori, oggi vorrei dire due parole sul "mestiere" del blogger.


Prima di tutto, essere una blogger non è un mestiere, o almeno non lo è per me: lo faccio per passione, per divertimento, per dare una mano a qualche collega regalando quel minimo di visibilità che le mie capacità possono concedere. Sono lieta di farlo e lo faccio con enorme piacere, specialmente quando mi viene offerta la possibilità di leggere in anteprima romanzi che poi si rivelano piccoli gioielli nascosti che – diciamolo – vedono la luce anche grazie a me e a quelli come me che si adoperano per svelarli.

Quando ho cominciato a recensire, come collaboratrice di una blogger amica, ero certa che lo avrei fatto con gioia.

Poi però hanno iniziato a venir fuori problemucci – roba da poco, intendiamoci – ai quali non avevo pensato. Perché blogger e autori sono esseri umani e come in ogni ambiente, anche qui trovi il buono e il meno buono. Anche molto meno buono, a volte.

Ad esempio, vox populi vuole che ci siano certi autori/ici che non si possono recensire con un numero di stelle basso. Non faccio alcun nome, ovviamente, ma chi ha avuto a che fare con questo mondo anche per poco sono certa mi capisca bene. A volte si ha l'impressione che quando questo accade vi sia una sorta di esercito di sostenitori dell'autrice 'vessata' che comincia a dare contro a chi ha osato esprimere un parere negativo denigrandone il lavoro e arrivando, in alcune circostanze, anche all'insulto volgare e pesante.

Dall'altra parte esistono recensori chiaramente poco seri (che sono la minoranza, intendiamoci, ma si sa che a volte un solo piccolo baco rovina tutto il cesto di mele), i quali valutano un romanzo sulla base di considerazioni che a volte sembrano esulare del tutto dal contenuto della trama e dalla fluidità dello stile di scrittura: amicizia e favori prendono il posto di obiettività e quel po' di etica che dovrebbe guidare le azioni anche di chi non lo fa per professione. E si sprecano sia le recensioni super-stellate che quelle gratuitamente denigratorie.



Così, quando ho deciso di aprire questo blog e di cominciare a recensire a mio nome, mi sono chiesta se ne valesse la pena. Io sono una autrice, prima che una blogger, e onestamente non ero certa di sentirmela di rischiare l'ostracismo a causa magari di una recensione a due stelle fatta alla persona sbagliata. Certo, c'è sempre la possibilità di non recensire: dopotutto, chi mi obbliga? Se vedo che un romanzo è mal scritto o non mi piace, semplicemente non lo recensisco e abbatto il problema alla radice.

Ma è giusto?
Ecco, forse parlare di giustizia in una situazione come questa può apparire eccessivo: non siamo mica alla corte dell'Aia. Tuttavia, se faccio una cosa mi piace farla bene, non perché io sia una perfezionista o perché mi ritenga meglio di altri, ma per un motivo molto più ego-riferito: mi piacciono le cose fatte a modo mio. E il mio modo è quello di dire pane al pane e vino al vino.

Perciò, questo blog ospiterà sempre anche recensioni a una o due stelle, se il recensore valuterà che sia necessario. L'obiettività non verrà mai meno. Nel mio piccolo, è quello che posso fare per dare un contributo di onestà e valore.

Dall'altra parte, potete stare certi fin d'ora che anche la mia recensione più negativa non sarà mai priva di costrutto. So quanta fatica costi scrivere un romanzo. Ce la metti tutta, magari sottrai tempo alla famiglia o al sonno notturno. Vivi, mangi, respiri solo il tuo personaggio per un tempo talmente lungo che alla fine ti sembra sia il tuo migliore amico. Nessuno, e dico nessuno, ha il diritto di distruggere un lavoro del genere. Le critiche devono essere costruttive e motivate, portate con cortesia, gentilezza e rispetto ed è quello che facciamo qui. Sempre e comunque.

Questo, è quello che posso fare come blogger.

Da parte delle autrici, chiedo la gentilezza di essere aperte al confronto e alla critica, che è fondamentale per la crescita di tutti noi.

Grazie per aver letto fin qui!

L'Andre.


Nessun commento:

Posta un commento