martedì 12 maggio 2020

VITA DA SCRITTRICE. Le follie della lingua italiana. Come si scrive se stesso?

Come scrittrice ovviamente la mia prima preoccupazione è che quello che scrivo sia corretto al massimo delle mie possibilità. Il che significa conoscere al meglio la lingua italiana.

Vi risparmio le terrificanti dissertazioni su complementi dai nomi folli tipo il complemento di abbondanza e privazione o di limitazione che intrattengo con mio figlio di seconda media, invece oggi vorrei togliere tutti i dubbi, ma proprio tutti tutti tutti, sul più spinoso argomento dell'italica grammatica, la vexata questio che ci tiene tutti svegli la notte.

Si dice sé stesso, o se stesso?

Ebbene, diciamo subito che l'accento non ci vuole. Questo lo sanno in molti, ma sapete anche perché non ci vuole? Ve lo dico.

Il pronome  si accenta sempre quando è isolato per distinguerlo da se congiunzione, invece non si accenta davanti a stesso e stessamedesimo e medesima perché qui è chiaro che è un pronome; però bisogna di nuovo accentarlo al plurale, in casi come sé stessi e sé stesse per non confonderli con congiuntivi passati di stare, mentre se medesimi e se medesime vanno sempre senza accento perché la confusione non è possibile.

Dunque, riassumendo:
Ognuno pensi per sé –––> accento sì (perché è isolato e potrebbe confondersi col se congiunzione)
Ognuno pensi per se stesso –––> accento no (perché non può confondersi con la congiunzione)
Tutti pensino per sé stessi –––> accento sì (perché se stessi potrebbe confondersi con un congiuntivo)
Tutti pensino per se medesimi –––> accento no (perché non può essere un congiuntivo)


Di tutte le cose deliranti e cervellotiche che ho letto sui libri di grammatica, questa credo che sia la più folle, no? A volte mi domando chi diavolo si sia messo lì di buona intenzione per inventarsi queste cazz... ehm, queste importantissime regole che rendono la nostra lingua una delle più complesse del mondo.

Sia come sia, ormai lo sapete: non potete più sbagliarlo!

Al prossimo delirio!


Approfondimenti e referenze: qui.

Nessun commento:

Posta un commento