sabato 30 maggio 2020

LE RECENSIONI DELL'ANDRE: Room 7 di MÂG

Cari lettori eccoci con una nuova recensione

Scheda

Titolo: Room 7
Autore: MÂG
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 320
C.E. Self
Prezzo: 1.99€ formato ebook, 9.99€ cartaceo; disponibile per Kindle Unlimited

Sinossi

«Prenda l’ascensore per il terzo piano e giri a destra. Troverà la sua stanza in fondo al corridoio dove potrà riposarsi. Tuttavia, se dentro di sé sentisse di aver bisogno di ben altro, al quarto piano potrà trovare qualcuno che l’aiuterà a dimenticare. Le porte sono aperte. Dovrà soltanto scegliere».
Questa la proposta che il concierge fa a Francesca, in una notte piovosa d'aprile. Accetterà?
Un incontro passionale casuale, che ben presto si tingerà d'amore.
Ambientato in Italia, fra Matera e Roma.

Recensione

Quello che mi è piaciuto di questo romanzo è che rappresenta persone normali. Non ci sono protagonisti straordinariamente belli, o straordinariamente ricchi, o straordinariamente fuori dal comune tanto da renderli quasi impossibili da credere. Ci sono persone vere, come me e voi, che hanno un lavoro normale, dei sogni normali (alcuni dei quali calpestati dagli avvenimenti della vita), ex fidanzati stupidi – ma ne ho visti di peggio nella vita vera! – mamme invadenti come tutte le mamme, amiche come quelle che ho io e un nuovo amore che decolla un po' traballando, un po' come tutti gli amori.  

C'è, è vero, un elemento di eccezionalità, ed è rappresentato dalla stanza numero sette del titolo. Come fa uno dei miei autori preferiti (no, non vi svelo chi sia... indovinate!) l'autrice sembra andare a mettere i protagonisti in una situazione "ai limiti della realtà" senza troppe spiegazioni e stare a guardare come questi personaggi se la cavano. La room 7, non so perché, mi ha fatto pensare a una sorta di Hotel California, solo molto meno macabro e assai più divertente!
Con uno stile corretto e poco arzigogolato (probabilmente anche grazie a un buon lavoro di editing) l'autrice ci porta nella vita di Francesca e Davide raccontandoci una storia romantica e appassionata dal punto di vista erotico, ma mai volgare o eccessiva.

Se dobbiamo proprio trovare un difetto (e sapete che dobbiamo!) direi che probabilmente l'autrice poteva osare un pochino di più nelle scene erotiche. Avendo dato al suo protagonista dei gusti da stanza rossa non sarebbe stato negativo spingere un po' sull'acceleratore dell'erotismo, anche un filo più esplicito e rude.

Nota particolarmente positiva, da vera star l'autrice inserisce se stessa in un piccolo cameo, alla maniera di Alfred Hitchcock o, in tempi più recenti, Stephanie Mayer e Stan Lee. Divertente!

Recensione in pillole

Consigliato a chi: crede nelle seconde occasioni 
Temi trattati: il tradimento, la passione, la sincerità
Messaggio nascosto nella trama: ascoltare prima di giudicare!

Valutazione finale:⭐⭐⭐⭐













Nessun commento:

Posta un commento