giovedì 16 aprile 2020

LE RECENSIONI DELL'ANDRE: Tutto questo ti darò di Dolores Redondo per DeA Planeta

Buongiorno cari lettori, dopo le vacanze di pasqua la nostra Miss Moneypenny è più attiva che mai!

Scheda

Titolo: Tutto questo ti darò
autore:  Dolores Redondo
Casa Editrice: DeA Planeta
Pagine: 579
Genere: Giallo/Thriller
Costo: 9.99€ formato kindle, 10€ cartaceo con copertina rigida. Disponibile in abbonamento con Kindle Unlimited e Audible.

Sinossi

Quando una coppia di agenti bussa alla porta, Manuel, scrittore di successo, intuisce che qualcosa di
grave deve essere accaduto ad Álvaro, l'uomo col quale è sposato da anni. Infatti il suo corpo senza vita è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada in Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Manuel credeva fosse per lavoro Parte per la Galizia per identificare la salma ma si ritrova presto invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ruota attorno alla famiglia d'origine, nobile e arrogante, del marito. Con l'aiuto di un poliziotto in pensione e di un prete amico d'infanzia di Álvaro, Manuel indaga sulla vita , per lui sconosciuta , del marito e della sua famiglia, sulle molte ombre nel passato dei marchesi e sulla vita segreta dell'uomo che amava e credeva di conoscere, fino a scoprire la verità.

Recensione

Tutto questo ti darò  non è solo un thriller, anche se si indaga per omicidio, ma piuttosto un giallo
psicologico imprevedibile e dai risvolti inaspettati.
Il vero protagonista non è Manuel, devastato dal dolore, sebbene sia lui a condurre le indagini, ma suomarito Álvaro, la vittima che muore nella prima pagina, ma accompagna il lettore per tutto il racconto, e di cui l'autrice ci farà conoscere in modo mirabile il carattere, i comportamenti, l'onore, il disprezzo per la propria famiglia, la capacità di proteggere i fratelli più deboli.
L'atmosfera del funerale introduce subito alcuni degli argomenti trattati, le unioni omosessuali ed il
diverso approccio da parte di ognuno, l'altezzoso stile di vita delle famiglie aristocratiche, il distacco
sprezzante con cui i “signori” trattano chi lavora per loro con fedeltà e affetto,  anche nei confronti dei componenti più giovani.
La prima sorpresa si svela già alla lettura del testamento.
Nello snodarsi della storia un tenente di polizia in pensione ed un prete locale, che riveleranno, nel corso del tempo, un carattere ed un atteggiamento diversi da quel che appariva ad una prima occhiata,
sospingono e aiutano Manuel a capire le ragioni per cui il marito gli ha sempre nascosto le sue vere
origini. Ed insieme indagano su quell'incidente, che appare improbabile all'occhio esperto del poliziotto, e portano alla luce orrendi segreti e bugie che si trascinano da decenni e che la famiglia, la Chiesa, gli stessi protagonisti hanno sempre tenuto nascosti.
I caratteri, anche quelli dei personaggi secondari, sono descritti in modo approfondito e dettagliato e gli eventi si susseguono incalzanti, con una scrittura scorrevole e piana, che riesce a coinvolgere il lettore in modo appassionante.
I vigneti, i fiori ed i paesaggi della Galizia fanno da cornice alle torbide vicende della storia, mentre
Manuel, man mano che scopre nuove tessere di quel puzzle intricato, realizza che Álvaro era veramente l'uomo buono, altruista, corretto e fedele, che lui conosceva ed amava da tanti anni, e lentamente riesce a smaltire la rabbia che all'inizio lo aveva colto nello scoprire la doppia vita del marito.
La soluzione finale ci tiene col fiato sospeso, tra ulteriori inaspettati colpi di scena, e ci consegna un
colpevole che l'autrice riesce a tenere nascosto e insospettabile fino all'ultimo momento.
Le parole tutto questo ti darò , non sono rivolte a Manuel dal marito, come ci si aspetterebbe, ma
pronunciate, molti anni prima in modo sferzante e indignato, dal vecchio arrogante marchese ad uno dei suoi figli.
Un romanzo commovente ed avvincente in cui incontriamo odio, risentimenti, sopraffazione, violenza, ma anche tutte le facce dell'amore.

Valutazione finale ⭐⭐⭐ e 1/2

miss moneypenny

Nessun commento:

Posta un commento