lunedì 20 aprile 2020

LE RECENSIONI DELL'ANDRE: Mi sono innamorata (di tuo marito) di Francesca d'Isidoro

Eccoci di nuovo con un'altra recensione.

Scheda:

Titolo: Mi sono innamorata (di tuo marito)
Autrice: Francesca d'Isidoro
C.E. Self published
Pagine: 129
Genere: Rosa/ Chick lit
Prezzo: 0,99€ formato ebook - 10€ cartaceo con copertina flessibile

Sinossi

“… Stefano Ferro rappresentava la perfetta incarnazione del Lupo Cattivo, e un incontro con lui era quanto di meno auspicabile per una provetta Cappuccetto Rosso come me...” 

La rispettabilità, l’etica, la morale… Per Stella possono andare a farsi benedire al cospetto del torace definito, delle gambe possenti e degli occhi neri, come il peccato, di Stefano Ferro.
Ma Stefano non si limita ad essere solo bello e straordinariamente seducente; lui è la quintessenza di tutto ciò a cui un’ingenua ragazza di provincia, come lei, non dovrebbe mai avvicinarsi: è arrogante, pieno di sé, incredibilmente st…olto... Ed è sposato.
Resta il fatto, però, che a un uomo così sia impossibile resistere. 
E, comunque, lei non ne ha mai avuto l'intenzione.
Così Stella si butta a capofitto in quella che sarebbe dovuta rimanere solo una sordida storia di sesso (il migliore della sua vita!).
Se a questi elementi, poi, ci aggiungiamo un padre decisamente ingombrante, una sorella iperprotettiva, degli amici sui generis e una moglie tradita con sete di vendetta, diventa evidente come la situazione finirà, inesorabilmente, per sfuggirle di mano.

Romanzo autoconclusivo che contiene scene sessiualmente esplicite.

Recensione:

Sgombriamo il campo da dubbi: sì, chi scrive conosce personalmente l'autrice. Questo non significa che la recensione sarà "drogata" dalla mia simpatia per lei o dai ricordi delle nostre comuni esperienze. Anzi. Possibilmente sarò più severa con Francesca che con molti altri proprio perchè conosco le sue potenzialità e i suoi - come chiamarli... - exploit.

Ciò premesso, in questa nuova trama l'autrice si conferma maestra d'(auto)ironia e umorismo,  come si evince fin dalla copertina del libro.  La storia è quella classica: giovane donna si innamora dell'uomo più sbagliato che possa esistere nel raggio di sei-settemila chilometri. Bello come il peccato, affascinante come il demonio e disperatamente sposato. Se la nostra Stella avesse fatto dietrofront e lo avesse mollato, non ci sarebbe la storia. La storia invece c'è, ed è molto realistica - almeno fino al rocambolesco finale che grazie al cielo mi si assicura non essere autobiografico. Dai, siamo serie, a quante non è mai successo di prendere una scuffia per il tipo sbagliato? Su le mani, che le contiamo. 

Sì, sì, anche voi, razza di troll che altro non siete, che vi beate insultando Francesca d'Isidoro per questa trama, voi perfettine super moraliste, voi che vi sentite in grado di scagliare la prima pietra. Non pensiate che non vi veda, nascoste dietro la vostra tastiera a sputare sentenze. Scusate la divagazione, ma la semplice idea che ci siano in giro persone - donne! - che si permettono di insultare una sconosciuta per la trama di un libro mi manda talmente in fumo il cervello che praticamente non ci vedo per quanto ne ho davanti agli occhi!!

Tornando a noi, dicevamo... realistica, la trama, perché per quanto la nostra Stella sappia che Stefano non è assolutamente persona con la quale mischarsi, per quanto le sue dichiarate intenzioni siano assolutamente oneste... insomma, non resiste. Stefano sa toccare i tasti giusti - e non dico solo a livello fisico - e Stella capitola, dicendo di no con la testa e di sì con tutto il resto, fino a quando non può fare a meno di accogliere il... ehm... regale randello di carne (cit.) ... nella propria vita. Come è ovvio che sia, la storia non manca di qualche momento sublimemente erotico, nel quale tuttavia non viene mai meno lo stile scanzonato e allegramente spensierato che contraddistingue i lavori di questa autrice - o per lo meno quelli che ho letto finora.

Stile corretto, pulito, scevro da inutili fronzoli; poche descrizioni per dare priorità ai dialoghi che, diciamolo, sono la forza di questa narrazione. 

Recensione in pillole

Consigliato a chi: vuole trascorrere qualche ora spensierata e divertente.
I temi trattati: la trasgressione, il tradimento, l'amicizia.
Il messaggio nascosto nella trama: se ci credi, alla fine succederà!

Valutazione finale:⭐⭐⭐







Nessun commento:

Posta un commento