martedì 25 febbraio 2020

LA VITA DELL'ANDRE: di cose strane.

Certo che questo ultimo anno è stato intenso!!
Mi sono successe un monte di cose che mai avrei pensato potessero accadere!
Non ci credete? Ecco qui:

Negli ultimi 365 giorni

1. E' stato aperto un procedimento penale a mio carico per un banale incidente d'auto  - per il quale non mi è stato attribuito il torto - in cui una persona ha avuto una prognosi superiore a quaranta giorni. Il nuovo codice della strada lo prevede. In seguito a questo fatto

1a. in veste di imputata, ho subito un interrogatorio al quale mi sono dovuta presentare con l'assistenza di un legale. Mi hanno pure letto i miei diritti, tra i quali come imputata figura incredibilmente anche il diritto di mentire. Credetemi, non ho capito male, ho chiesto spiegazioni e mi hanno risposto che la testimonianza (cioè quando parli di qualcosa che ha fatto qualcun altro) deve essere sincera, mentre se rispondi come imputato su te stesso, hai diritto di mentire per salvarti. Perry Mason, levate proprio.

2. Sono stata coinvolta in un licenziamento collettivo: la mia azienda ha chiuso gli uffici di Milano dove lavoravo da quasi vent'anni. Come rappresentante sindacale dei lavoratori, ho partecipato al tavolo di trattativa con l'azienda, durante il quale ho conosciuto meglio la vera essenza di tutte le persone coinvolte (azienda e colleghi). In seguito a questo fatto

2a. al momento sono disoccupata e ufficialmente casalinga, cosa che avevo giurato non sarei mai stata. Ora mi sto organizzando, cosa che è più difficoltosa di quanto avrei immaginato.

3. Mio figlio maggiore è volato via dal nido e ora vive a Dublino. Questa è l'unica cosa che potevo ragionevolmente aspettarmi: i ragazzi prima o poi prendono la propria via, e questo è un bene, ma non significa che la cosa non abbia impatto.

4. Last but not least: il coronavirus.  Mi sono sempre domandata, fin dalla prima volta in cui ho studiato a scuola la peste del 1348, come si viva in stato di perenne allarme. O anche quando sento le notizie dei paesi in guerra, dove esci di casa, vai al mercato e preghi che non ci scoppi una bomba. Come si può vivere così, mi chiedevo. Cosa si prova? Ecco, ora sono stata accontentata. Attenzione a quello che chiedete, perché potreste essere esauditi.


Che dite, è abbastanza? E siamo solo a febbraio.
Ora della fine dell'anno, chissà quali meraviglie avrà in serbo il fato!




Nessun commento:

Posta un commento